Stop COVID-19 Now – (FREE)

The highly contagious virus that has caused “The COVID-19 Outbreak”, carries a significant vulnerability that may be immediately exploitable. In other words, this coronavirus has the potential of being stopped, perhaps more easily than most people, and most health professionals, realize. Dr. Dan Lee Dimke PhD, explains the science behind the fragile nature of this virus, and offers an easy, self-administered therapy that, if widely practiced, might offer an additional aid to ending this outbreak more quickly.

CAUTION: The experimental procedure presented in this video is NOT a cure for coronavirus! It has not yet been tested or endorsed by any health authority. It should be ONLY be considered as one more layer of potential prevention IN ADDITION TO ALL OTHER PRECAUTIONS recommended by the CDC, WHO, or other health authorities – including hand washing, social distancing, coughing and sneezing into a sleeve, avoiding contact with others who display symptoms, getting tested for COVID-19 if fever and other respiratory symptoms develop, and seeking immediate medical advice if tested positive for COVID-19, or if symptoms persist or worsen. NOTE: Once the virus has migrated to the lungs, which may occur in up to 20% of patients within one to two weeks, the virus is too far from the external heat source to be substantially impacted by this procedure. Benefits from using the procedure are likely to be highest when used for prevention and early treatment. THIS VIDEO CONTAINS NO MEDICAL ADVICE – ITS CONTENTS SHOULD BE REGARDED AS EDUCATIONAL INFORMATION ONLY. 

VIDEO: STOP COVID-19 NOW – Short Version (5 minutes 59 seconds)

VIDEO: STOP COVID-19 NOW – FULL Version (16 minutes 45 seconds)

After viewing this video, if you elect to experiment with this procedure yourself, remember that you alone control the conditions for such a test and accept all responsibility for the outcome. To help ensure your personal health and safety, it is important follow all procedures exactly as presented, using only the suggested heat sources. (Steam is NOT one of them). DO NOT use excessive levels of heat that cause ANY level of discomfort. DO NOT use older (pre-1990) external heat devices that are not equipped with a 2-button, Ground-Fault Interrupt Circuit on the wall plug – designed to prevent electric shock. Spray with distilled or previously-boiled water at room temperature whenever possible. Follow ALL manufacturer-recommended precautions for equipment (sauna and blow dryer) use. For sauna bathing, you may wish to begin with only 3 to 5-minute sessions and increase gradually, if needed. Avoid sauna bathing entirely, if you are consuming alcohol, or have a fever or high blood pressure. And, consult your doctor before using a sauna, if you are being treated for any medical condition, currently taking prescription medications, or require any type of personal medical advice. Safety first!

ALL COPIES AND RE-DISTRIBUTIONS OF THIS VIDEO MUST ALSO INCLUDE ALL THE ABOVE CAUTIONS AND PRECAUTIONS.

FULL TRANSCRIPT of video appears below – in English and Italian.
(Use Google Translator or any other language translation program to easily convert the text below to your preferred language. Human translations in other languages, from volunteers around the world, are encouraged and welcomed.)

Copyright © 2020 by Future World Corporation

Stop Covid-19 Now

Dr. Dan Lee Dimke: (narration begins)

[February 20, 2020] The novel Wuhan Corona virus now known as SARS-CoV-2 and the disease it causes, Covid-19 have been declared a global health emergency by the World Health Organization– wreaking havoc on lives and economies around the world.

As nearly everyone who is watching the news has learned, Covid-19 is caused by a potentially lethal coronavirus. But as many of the world’s most brilliant scientific minds seek a biological solution to this current regional pandemic, it is possible that they may be overlooking a far easier and faster solution to this crisis.

Biomedical solutions are complex and costly. But, their most glaring drawback is that they take time to a lot of develop. Time is formidable enemy for those already infected. But, due to the genetic shaft-shifting ability of coronaviruses, SARS-Cov-2 is a ticking time bomb. The longer it allowed to spread unchecked, according to virologists, the greater the chance that, at any time, it may morph into a new version that is immune to any of the prospective vaccines currently in development.

This moving target characteristic is the primary reason that throughout the history of more than two centuries of modern biomedicine, no commercial vaccine has ever been offered for any coronavirus, not even the deadly SARS-CoV coronavirus of 2003. At least three different pharmaceutical companies are currently working on vaccines. Whether the millions of doses required will be ready for distribution before the coronavirus mutates or disappears is, as yet, unknown.

This is Dr. Dan Lee Dimke. As this global event unfolds, it is important to recognize that SARS-Cov2 has an Achilles Heel – an exploitable vulnerability that is shared by most upper respiratory viruses and all other known coronaviruses. They are remarkably fragile. Though they can survive easily for weeks, or even months at temperatures near or below freezing, these viruses die, within just a few minutes when exposed to higher air temperatures.

This is the reason that the cold and flu season occurs only during the fall and winter months. Indeed, the current coronavirus, SARS-CoV-2 didn’t show up until after the daytime temperatures in Wuhan, China fell below 4° C. (39° F.) in December of 2019. Their aversion to heat forces these types of viruses to live and reproduce only within the coolest part of the body, usually inside the epithelial cells that line our inner nose and sinus cavities. Because the sinuses are located just behind the cheeks and nostrils, these nasal cavities are often nearly as cool as the outside air we breathe, during the colder months of the year.

But, when outside air temperatures rise, so do our sinus temperatures. Once it gets too warm in there for these viruses to reproduce, they quickly disappear. This is what happened in the Spring of 2003 during the SARS-CoV pandemic. Once daytime temperatures rose above 22° C. 72° F, the lethal outbreak suddenly ended – on its own – never to return – and, efforts to develop a vaccine were dropped.

Numerous laboratory studies have shown that most upper respiratory viruses, including 200 different rhinoviruses, picornaviruses, respiratory syncytial viruses, influenza viruses and coronaviruses quickly perish at mildly hot air temperatures. Several SARS coronavirus survival studies have concluded that it is easily killed in less than 15 minutes at 56° C. or 133° F.

(Copy of studies below display on screen.) —————–

http://hindawi.com/journals/av/2011/734690/

http://who.int/csr/sars/survival_2003_05_04/en/

Biomed Environ Sci 2003 Sep:16(3):246-55

J Med Virol, 23 (3), 297-301 Nov 1987

Journal of Virology, Feb 1968, p. 149-154

———————————————————————————

As they slowly heated the virus in the lab, researchers observed the outer membrane begin to rupture, and within minutes, it fatally collapsed, unrecognizable, and incapable of recovery, or any further infection. (dissolving images here).

The scientific efficacy of destroying unwanted viruses with the application of mild heat is now well established and is regularly used during the production of various medications and vaccines.

The very same process could be used with patients if we could raise the temperature of a patient’s sinuses high enough. The virus would die – symptoms and infectivity would stop – and the outbreak would be over.
The human body, when infected with a severe virus, attempts to do this on its own, by producing a fever. This natural heating response can only raise core temperature by a few degrees. But even this slight temperature increase is enough to begin measurably slowing down the virus reproduction rate and buying valuable time for the body to begin making antibodies that can target invading viruses and producing interferon that further heightens cells antiviral defenses.

We can enhance these natural benefits substantially by using an external heat source to do something that the body can’t do on its own – heat the sinus cavities to just above the temperature that is fatal to coronavirus. Because the sinuses are, at most, only a few centimeters from the nostrils, this is easily accomplished, without harm or risk to the patient, by simply breathing in hot air. Suddenly, the coolest part of the body becomes the warmest part of the body and in this now hostile environment, invading viruses almost literally melt. But what about the patient? Can we survive exposure to these temperatures? Not only is the answer yes, but people are already doing this routinely every day, all over the world, when they enter a dry sauna.
Breathing deeply for just 20 minutes in a hot sauna will kill a high percentage of any virus that happens to be invading the upper respiratory system. Most people experience a feeling of almost immediate relief. However, because some individual virions, that’s the term for individual virus cells, may be temporarily shielded from the direct inflow of hot air by natural obstacles within the sinuses, a few of them might manage to survive and later reproduce – allowing the infection to continue.

Fortunately, the mucosal layer that covers the inside of sinuses doesn’t remain stationary. It is constantly forced along by the gentle wave motion of tiny hair-like cilia growing from the sinus walls, that slowly push this mucus coating, along with any microbes that may trapped within it, backward and then down the throat, to be eventually destroyed by the acid in the stomach. This slow movement will gradually expose any lingering virions that may have been temporarily protected. Then, by subjecting sinuses to a second or even a third wave of hot air, from a later sauna visit, it may be possible to effectively kill any remaining virus – permanently ending the infection.

Though a few types of coronavirus, such as the two SARS coronaviruses appear to be able to survive within the lungs of a very small percentage of patients, the initial infection always starts in the sinuses and usually lingers there for two days to two weeks, before progressing further. And, it is within the sinuses that the invading virus is most easily defeated.
Just 20 minutes, in a dry sauna, at or above 60° C. (140° F.), is enough to kill most of the coronavirus within a patient’s sinuses. Note that typical sauna temperatures are often even higher than this.
Next, cooling off for 40 minutes, allows body temperature and heart rate to return to normal.

Finally, continuing with just two more of these cycles of 20 minutes of heating, then 40 minutes of cooling, could kill most remaining coronavirus (within the sinuses). Once the virus is gone, symptoms also quickly disappear.

What about situations where saunas are unavailable? Well, it turns out that there is an even easier way to eradicate coronavirus infection in patients, as well as healthcare workers, and others who may have been exposed to the virus but do not yet display symptoms.

The common, widely available, hand-held blow dryer used for drying hair contains a heating element and a fan that can instantly deliver forced air temperatures at or the above the eradication temperature threshold for coronaviruses. This approach offers the important added benefit of being able to concentrate the heat onto just the infected area of the body – the nose and sinuses. So, it can be safely used even if a patient already has a fever. Unlike the motionless air in a sauna, blow-dryers move the hot air more rapidly – similar to the environment of a convection oven – perhaps heating the target area (the nose and sinuses) more quickly than a sauna will. So, needed exposure time may be shorter.

This simple, self-administered therapy, known as the Cold-Arrest™ Procedure was first proposed in the book, “Conquer the Common Cold and Flu”, published by Future World Press in 1984. Since then, it has been successfully tested and used in more than 55 countries with an extremely high success rate.

In view of the dire situation we currently face, with infections in dozens of countries and thousands of fatalities, here is a detailed description of the original Cold-Arrest™ Procedure with the suggested times and temperatures carefully optimized for coronavirus eradication:


1) Turn hair dryer to the lowest setting and then cup fingers over the air intake to slow the air flow and increase its output temperature.

2) With the other hand, use a wet cloth, or a spray bottle filled with water, to frequently moisten the facial surface around the nose and mouth. The flow of hot air causes the water to evaporate, keeping the face and nose cool while allowing the heat to penetrate deeply into the nose and sinuses. Take slow, deep breaths through the nose, with mouth closed, for 5 minutes. To minimize any discomfort, you may turn the blow dryer aside in between breaths so that warm air is directed toward the face and nose only while inhaling. If the air feels warm, but not hot, try a higher heat setting. The goal is to raise the inside of the nose and sinuses to the coronavirus kill temperature of at least of 56° C (133° F) during the entire treatment period. So, use the highest temperature you can safely and comfortably tolerate.

3) Pause between heat applications for about one hour. This allows time for the natural movement of the mucus layer within the sinuses to re-position any potentially shielded virus to a more exposed location where they can be heated and destroyed.

4) After the cooling period, begin another 5-minute hot air treatment. If no symptoms have appeared, two heating cycles per day should be sufficient for prevention. However, if symptoms have already developed, three to five of these alternating heating/cooling cycles per day are recommended, until symptoms disappear.

If widely used as an added prevention step, along with wearing a mask and hand-washing, this Cold-Arrest hyperthermia therapy has the potential of helping to halt any further spread of Covid-19. It also offers an important psychological benefit for those who are currently in isolation, quarantine, or lock-down for a prolonged viral incubation period. Instead of just waiting, helplessly, to see if symptoms develop, patients can take a proactive role by helping to exterminate any virus that may be present.

It is also important to remember that, until the end of the current cold and flu season in the Northern Hemisphere, the 400 other known cold-causing viruses will continue to be active. The symptoms these other viruses produce are often indistinguishable from a Covid-19 case, at least in its early stages. Because most of these other cold-causing viruses tend to die in far less time and at even lower temperatures than coronaviruses require, the daily use of Cold-Arrest™ Procedure may also prevent nearly all other cold-causing viral infections, as well. This will allow people living in infection zones to avoid the development of any obvious respiratory symptoms that might otherwise cause them to be turned away from stores, businesses or workplaces.

Cold-Arrest™ protection can be further enhanced by keeping the immune system strong through getting plenty of rest, drinking at least a liter (quart) or two of pure water each day, and eating plenty of fruits and vegetables. Physical exhaustion poses a potentially lethal risk for healthcare workers or anyone working long-hours in infection zones. Don’t risk allowing yourself to become over-tired.

It is also important to keep the consumption of alcohol, as well as any foods containing added sugar as low as possible – since these have been shown, in numerous scientific tests, to deplete immune system resources. And, especially avoid the ultra-high-risk behavior of smoking or vaping for as long as the outbreak threat continues. Though, Covid-19 appears to produce only mild common cold symptoms in most patients, those with compromised lungs appear to at the greatest risk for complications that might lead to fatality.

If health authorities can keep it from spreading to the southern hemisphere*, the current Covid-19 outbreak is likely to subside on its own as outdoor temperatures begin to warm in late April or Early May, just as the earlier SARS coronavirus outbreak did, 17 years ago. [* (Text on screen – unspoken) If not, if the coronavirus is allowed to reach countries south of equator, the outbreak could continue for many more months, or even longer.] However, this deceptively simple procedure may hold the potential for ending this outbreak much sooner, and perhaps saving countless additional lives.

Health professionals are urged to use the Cold-Arrest Procedure to speed the recovery of their existing patients and to prevent further infection in others as well as themselves. And, everyone under quarantine, as well as those living in infection zones, and coming in regular contact with others who may be infected, are encouraged to use this preventive Cold-Arrest™ Procedure twice daily, and share it with others, to help prevent new cases of Covid-19 from developing.

Due to their ability to morph into a genetically new strain that no one is immune to, coronaviruses routinely start regional pandemics every few years. While most of these events are mild, producing nothing more than a large wave of common cold sufferers, the more lethal strains, such as the two SARS coronaviruses, can create deadly situations that grab international attention.

Future coronavirus outbreaks are all but inevitable. But, in each case, these coronavirus cousins will be likely to share the same vulnerability. If health care providers will administer Cold-Arrest™ heat therapy immediately, and health authorities will distribute inexpensive blow dryers and spray bottles to those who don’t already have them who are under quarantine or are living within infection zones, along with a link to this video, or offer instruction in the use of this easy, self-administered, heat treatment, it may be possible to prevent future outbreaks from ever again becoming regional or international coronavirus pandemics.

(Narration ends)
Comments and reports of patient response to the therapy are welcomed.
Send to: http://futureworldnow.com /contact-us/
Please include COVID-19 in the subject-line.

================================================================

Italian transcript – (Human translation by Leandro Ulisse)

28th March 2020

Stop COVID-19 Now –   Cold-Arrest

La traduzione dall’Inglese in Italiano  e’ stata eseguita con l’autorizzazione del Dr. Dan Lee Dimke PhD, CEO :  http://futureworldnow.com/corona.  in data odierna, li’ 28 Marzo 2020 da un Italiano in Inghilterra, Leandro Ulisse.

Si troveranno all’inizio, come segue, l’introduzione alla traduzione del video trovatosi nel sito http://futureworldnow.com/corona. Questo video e’ narrato in lingua inglese ed abbiamo incluso il trascritto della narrativa completa allegato qui’ sotto e che metteremo online prossimamente. Questo e’ il link del video:

https://vimeo.com/400035489

La trascrizione completa del video tradotta in Italiano appare qui sotto, appena dopo l’introduzione. Ogni paragrafo ha, in calce, la sua pausa con la durata in minuti/secondi per facilitare l’ascolto sincronizzato con il video.

Introduzione:

Il virus altamente contagioso che ha causato “L’epidemia COVID-19”, presenta una significante vulnerabilità che può essere immediatamente sfruttabile. In altre parole, questo coronavirus ha il potenziale di essere fermato, forse più facilmente di quanto la maggior parte delle persone, e la maggior parte dei professionisti della salute, realizzino. Il dottor Dan Lee Dimke PhD, spiega la scienza alla base della fragile natura di questo virus e offre una terapia facile e auto-somministrata che, se ampiamente praticata, potrebbe offrire un ulteriore aiuto per porre fine a questo focolaio più rapidamente

ATTENZIONE: la procedura sperimentale presentata in questo video NON è una cura per il coronavirus! Non è ancora stato testato o approvato da alcuna autorità sanitaria. Dovrebbe essere considerato SOLO come un ulteriore livello di potenziale prevenzione IN AGGIUNTA A TUTTE LE ALTRE PRECAUZIONI raccomandate dal CDC, dall’OMS o da altre autorità sanitarie, compresi il lavaggio delle mani, l’allontanamento sociale, la tosse e lo starnuto in una manica, evitando il contatto con altri, che visualizzare i sintomi, sottoporsi al test per COVID-19 se si sviluppano febbre e altri sintomi respiratori e consultare immediatamente un medico se testato positivamente per COVID-19 o se i sintomi persistono o peggiorano. NOTA: una volta che il virus è migrato verso i polmoni, che può verificarsi nel 20% dei pazienti entro una o due settimane, il virus è troppo lontano dalla fonte di calore esterna per essere sostanzialmente influenzato da questa procedura. I benefici sono probabilmente più alti se usati per la prevenzione e il trattamento precoce.

QUESTO VIDEO NON CONTIENE CONSIGLI MEDICI – I SUOI ​​CONTENUTI DOVREBBERO ESSERE CONSIDERATI SOLO COME INFORMAZIONI EDUCATIVE

Dopo aver visto questo video, se decidi di provare tu stesso questa procedura, ricorda che controlli da solo le condizioni per tale test e accetti tutte le responsabilità per il risultato. Per garantire la salute e la sicurezza personale, è importante seguire tutte le procedure esattamente come presentate, utilizzando solo le fonti di calore consigliate. (Vapore NON è uno di questi). NON utilizzare livelli eccessivi di calore che causano QUALSIASI livello di disagio. NON utilizzare dispositivi di riscaldamento esterni più vecchi (precedenti al 1990) che non sono dotati di un circuito di interruzione di guasto a terra a 2 pulsanti sulla presa a muro, progettato per prevenire scosse elettriche. Spruzzare con acqua distillata o precedentemente bollita a temperatura ambiente quando possibile. Seguire TUTTE le precauzioni consigliate dal produttore per l’uso dell’apparecchiatura. In particular modo attenzione a non spruzzare acqua verso l’interno del fono. Per il metodo sauna, potresti voler iniziare solo con sessioni da 3 a 5 minuti e aumentare gradualmente, se necessario. Evitare l’uso della sauna se si consuma alcool o si ha la febbre o la pressione alta. Inoltre, consulta il tuo medico prima di utilizzare una sauna, se sei in cura per qualsiasi condizione medica o se stai attualmente assumendo farmaci da prescrizione o hai bisogno di qualsiasi tipo di consiglio medico personale. La sicurezza prima!

TUTTE LE COPIE E LE RIPRODUZIONI  DI QUESTO VIDEO DEVONO INCLUDERE ANCHE TUTTE LE CAUTELE E LE PRECAUZIONI COME SOPRA.

Stop Covid-19 adesso

Dr. Dan Lee Dimke:

Copyright © 2020 di Future World Corporation

http://futureworldnow.com/corona

Inizia la narrazione del video

[20 febbraio 2020] Il nuovo virus Wuhan Corona ora noto come SARS-CoV-2 e la malattia che causa, Covid-19 sono stati dichiarati un’emergenza sanitaria globale dall’Organizzazione Mondiale della Sanità – WHO – scatenando il caos su vite ed economie in tutto il mondo. 00.22

Come hanno appreso quasi tutti coloro che stanno guardando la notizia, Covid-19 è causato da un coronavirus potenzialmente letale. Ma poiché molte delle più brillanti menti scientifiche del mondo cercano una soluzione biologica a questa attuale pandemia regionale, è possibile che stiano trascurando una soluzione molto più semplice e rapida a questa crisi. 00.44

Le soluzioni biomediche sono complesse e costose. Ma il loro svantaggio più evidente è che impiegano molto tempo a svilupparsi. Il tempo è un formidabile nemico per quelli già infetti. Ma, a causa della capacità genetica di spostamento dell’albero dei coronavirus, SARS-Cov-2 è una bomba a orologeria. Più a lungo gli e’ permesso di diffondersi senza controllo, secondo i virologi, maggiore è la possibilità che, in qualsiasi momento, possa trasformarsi in una nuova versione che è immune da qualsiasi potenziale vaccino attualmente in fase di sviluppo. 01.17

Questa caratteristica “bersaglio mobile” è la ragione principale per cui nella storia di oltre due secoli di biomedicina moderna, nessun vaccino commerciale è mai stato offerto per un coronavirus, nemmeno il micidiale coronavirus SARS-CoV del 2003. Almeno tre diverse società farmaceutiche stanno attualmente lavorando sui vaccini. Non è ancora noto se i milioni di dosi richieste saranno pronti per la distribuzione prima che il coronavirus muti o scompaia. 01.46

Qui’ è il dottor Dan Lee Dimke,

Man mano che questo evento globale si svolge, è importante riconoscere che SARS-Cov2 ha un tallone d’Achille – una vulnerabilità sfruttabile condivisa dalla maggior parte dei virus respiratori superiori e da tutti gli altri coronavirus noti. Sono notevolmente fragili. Sebbene possano sopravvivere facilmente per settimane o addirittura mesi a temperature vicine o inferiori allo zero, questi virus muoiono, in pochi minuti se esposti a temperature dell’aria più elevate. 02.19

Questo è il motivo per cui la stagione fredda e influenzale si verifica solo durante i mesi autunnali e invernali. Infatti, l’attuale coronavirus, SARS-CoV-2, non si è presentato fino a dopo le temperature diurne a Wuhan, in Cina, scese sotto i 4 ° C. (39 ° F.) nel dicembre del 2019. 02.41

La loro avversione al calore, costringe questi tipi di virus a vivere e riprodursi solo all’interno della parte più fredda del corpo, solitamente all’interno delle cellule epiteliali che rivestono il nostro naso interno e le cavità del seno-paranasale (in seguito : “cavita’nasali”). Le cavita’nasali si trovano proprio dietro le guance e le narici, queste cavità nasali sono spesso fredde quasi quanto l’aria esterna che respiriamo, durante i mesi più freddi dell’anno. 03.06

Ma, quando le temperature esterne dell’aria aumentano, anche le nostre temperature delle cavità nasali aumentano. Una volta che diventa troppo caldo per questi virus si possano riprodurre, essi scompaiono rapidamente. Questo è ciò che è accaduto nella primavera del 2003 durante la pandemia di SARS-CoV. Una volta che le temperature diurne sono aumentate sopra i 22 ° C. 72 ° F, l’epidemia letale è improvvisamente terminata – da sola – per non tornare mai più – e, gli sforzi per sviluppare un vaccino sono stati abbandonati. 03.38

Numerosi studi di laboratorio hanno dimostrato che la maggior parte dei virus respiratori superiori, tra cui 200 diversi rinovirus, picornavirus, virus respiratorio sinciziale, virus influenzali e coronavirus, periscono rapidamente a temperature dell’aria leggermente calda. Diversi studi di sopravvivenza al coronavirus SARS hanno concluso che può essere facilmente ucciso in meno di 15 minuti a 56 ° C. o 133 ° F. 04.08

(copie degli studi sono mostrate sul video, URL qui sotto):

http://hindawi.com/journals/av/2011/734690/

http://who.int/csr/sars/survival_2003_05_04/en/

Biomed Environ Sci 2003 Sep:16(3):246-55

J Med Virol, 23 (3), 297-301 Nov 1987

Journal of Virology, Feb 1968, p. 149-154

Mentre riscaldavano lentamente il virus in laboratorio, i ricercatori hanno osservato che la membrana esterna inizia a rompersi e, in pochi minuti, crolla fatalmente, irriconoscibile e incapace di recupero, o di qualsiasi ulteriore infezione. (si vedono le immagini dissolversi nel video) .04.24

L’efficacia scientifica della distruzione dei virus indesiderati con l’applicazione del calore lieve è ormai consolidata e viene regolarmente utilizzata durante la produzione di vari farmaci e vaccini. 04.39

Lo stesso processo potrebbe essere usato con i pazienti se potessimo alzare la temperatura delle cavita’ nasali abbastanza in alto. Il virus sarebbe morto – i sintomi e l’infettività si sarebbero fermati – e l’epidemia sarebbe finita. 04.55

Il corpo umano, quando infettato da un virus grave, tenta di farlo da solo, producendo la febbre. Questa risposta naturale al riscaldamento può solo aumentare di alcuni gradi la temperatura interna. Ma anche questo leggero aumento della temperatura è sufficiente per iniziare a rallentare in modo misurabile il tasso di riproduzione del virus e guadagnare tempo prezioso per il corpo per iniziare a produrre anticorpi in grado di colpire i virus invasori e produrre interferone che aumenta ulteriormente le difese antivirali delle cellule.05.26

Siamo in grado di migliorare sostanzialmente questi benefici naturali, utilizzando una fonte di calore esterna, per fare qualcosa che il corpo non può fare da solo: riscaldare le cavità delle cavita’ nasali appena sopra la temperatura che è fatale per il coronavirus. Poiché le cavita’ nasali sono al massimo a pochi centimetri dalle narici, questo è facilmente realizzabile, senza danni o rischi per il paziente, semplicemente respirando aria calda. Improvvisamente, la parte più fredda del corpo diventa la parte più calda del corpo e in questo ambiente ormai ostile, invadendo i virus si fondono quasi letteralmente. 06.05

Ma per quanto riguarda il paziente? Possiamo sopravvivere all’esposizione a queste temperature? Non solo la risposta è sì, ma le persone lo fanno già regolarmente ogni giorno, in tutto il mondo, quando entrano in una sauna secca. 06.19

Respirare profondamente per soli 20 minuti in una sauna calda ucciderà più del 90% di qualsiasi virus che capita di invadere il sistema respiratorio superiore, infatti alla temperatura tipica del seno la maggior parte del virus morirà in 5 minuti o meno, la maggior parte delle persone prova una sensazione di sollievo quasi immediato. Tuttavia, poiché alcuni singoli virioni, questo è il termine per singole cellule virali, possono temporaneamente essere protetti dall’afflusso diretto di aria calda da ostacoli naturali all’interno dei seni, alcuni di questi virioni potrebbero riuscire a sopravvivere e successivamente riprodursi, consentendo all’infezione di continuare. 07.00

Fortunatamente, lo strato di mucosa che ricopre l’interno delle cavita’nasali non e’ stazionario. E in costante movimento, forzato dal lieve movimento ondulato di minuscole ciglia simili a peluria che cresce dalle pareti delle cavita’ nasali, che spingono lentamente questo rivestimento di mucosa, insieme a eventuali microbi che potrebbero essere intrappolati al suo interno, all’indietro e poi giu’ per la gola per essere infine distrutti dall’acido nello stomaco. Questo lento movimento esporrà gradualmente eventuali virioni persistenti che potrebbero essere stati temporaneamente protetti. Sottoponendo quindi, le cavita’ nasali a una seconda o addirittura a una terza ondata di aria calda, dopo una successiva visita in sauna, è possibile uccidere efficacemente qualsiasi virus rimanente, ponendo fine all’infezione in modo permanente. 07.40

Sebbene alcuni tipi di coronavirus, come i due coronavirus SARS sembrano essere in grado di sopravvivere all’interno dei polmoni di una percentuale molto piccola di pazienti, l’infezione iniziale inizia sempre nelle cavita’ nasali e di solito rimane lì per due giorni e fino a due settimane, prima di progredire ulteriormente. Ed è all’interno delle cavita’ nasali che il virus invasore viene sconfitto più facilmente, applicando calore dall’esterno. 08.07

E c’è un modo molto più semplice rispetto all’utilizzo di una sauna per sradicare l’infezione da coronavirus nei pazienti, così come gli operatori sanitari e altri che potrebbero essere stati esposti al virus ma non presentano ancora sintomi.08.20

L’asciugacapelli comune, ampiamente disponibile e portatile utilizzato per asciugare i capelli contiene un elemento riscaldante e un ventilatore che può erogare istantaneamente temperature dell’aria forzata ben al di sopra della soglia di temperatura di eradicazione per i coronavirus. Questo approccio offre l’importante vantaggio aggiuntivo di essere in grado di concentrare il calore solo sulla zona infetta del corpo: naso e cavita’nasali, in modo che possa essere utilizzato in sicurezza anche se un paziente ha già la febbre. 08.50

A differenza di una sauna, l’aria calda di un asciugacapelli si muove rapidamente, proprio come l’aria calda in un forno a convezione, ciò fornisce una temperatura desiderata alle cavita nasali, molto più veloce di una sauna, tuttavia, l’aria in movimento ha anche un effetto di asciugatura perché le cavita’ nasali abbisognano di rimanere umide e piene di vapore, una condizione che le tue cavita’ nasali trovano intollerabile, è utile quindi inumidire frequentemente il naso con uno spruzzo di acqua durante il riscaldamento con un asciugacapelli; una prima terapia auto-amministrata, nota come Procedura di arresto a freddo, è stata la prima proposta nel libro “Conquer the Common Cold and Flu”, pubblicato da Future World Press nel 1984. Da allora, è stato testato e utilizzato con successo in oltre 55 paesi con un tasso di successo estremamente elevato. 09,39

Alla luce della terribile situazione che stiamo attualmente affrontando, con infezioni in dozzine di paesi e migliaia di vittime, ecco qui’ a seguito una descrizione dettagliata della procedura originale di arresto a freddo con i tempi e le temperature suggeriti attentamente ottimizzati per l’eradicazione del coronavirus: 09.57

1) l’asciugacapelli sull’impostazione più bassa, quindi mettere le dita sulla presa d’aria per rallentare il flusso d’aria e aumentarne la temperatura di uscita. 10.08

 2) Con l’altra mano, utilizzare un flacone spray riempito con acqua per inumidire frequentemente la superficie del viso attorno al naso e alla bocca. Tienilo a circa dieci centimetri sotto il naso e spruzza l’acqua verso l’alto nel naso e sul viso. Il flusso di aria calda fa evaporare l’acqua, mantenendo il viso e il naso freschi, consentendo al calore e al vapore di penetrare in profondità nel naso e nei seni. Fai respiri lenti e profondi attraverso il naso, con la bocca chiusa, per 5 minuti. Per ridurre al minimo qualsiasi disagio, capovolgi l’asciugacapelli tra i respiri in modo che l’aria calda sia diretta verso il viso e il naso solo durante l’inalazione. E spruzzare una nebbia d’acqua subito dopo aver espirato tutte le volte che è necessario per mantenere umidi viso e naso. L’obiettivo è aumentare l’interno del naso e i seni nasali alla temperatura di uccisione del coronavirus di almeno 56 ° C (133 ° F) durante l’intero periodo di trattamento. Quindi, tieni l’asciugacapelli vicino al naso fino a quando non puoi semplicemente tollerare di raggiungere la massima temperatura interna. 11.19

3) Pausa tra applicazioni di calore per circa un’ora. Ciò consente al tempo che il movimento naturale dello strato di mucosa all’interno dei seni di riposizionare qualsiasi virus potenzialmente schermato in una posizione più esposta dove può essere riscaldato e distrutto. 11.35

4) Dopo il periodo di raffreddamento, iniziare un altro trattamento con aria calda di 5 minuti. Se non sono comparsi sintomi, dovrebbero essere sufficienti due o tre cicli di riscaldamento al giorno per la prevenzione. Tuttavia, se i sintomi sono già presenti, si consigliano cinque di questi cicli alternati di riscaldamento / raffreddamento al giorno, fino alla scomparsa dei sintomi. 11.59

Se ampiamente utilizzata come ulteriore passaggio di prevenzione, oltre a indossare una maschera e lavarsi le mani, questa terapia per l’ipertermia ad arresto a freddo ha il potenziale di aiutare a fermare qualsiasi ulteriore diffusione di Covid-19. Offre anche un importante beneficio psicologico per coloro che sono attualmente in isolamento, in quarantena o in blocco per un periodo di incubazione virale prolungato. Invece di aspettare, impotentemente, di vedere se i sintomi si sviluppano, i pazienti possono assumere un ruolo proattivo sterminando qualsiasi virus eventualmente presente. 12.33

È anche importante ricordare che, fino alla fine dell’attuale stagione del raffreddore e dell’influenza nell’emisfero settentrionale, gli altri 400 virus noti che causano il raffreddore continueranno ad essere attivi. I sintomi che producono questi altri virus sono spesso indistinguibili da un caso Covid-19, almeno nelle sue fasi iniziali. Poiché questi altri virus che causano il raffreddore tendono a morire in un tempo molto inferiore e anche a temperature inferiori rispetto a quelle richieste dai coronavirus, l’uso quotidiano della procedura di arresto del freddo può anche prevenire quasi tutte le altre infezioni virali che causano il raffreddore. Ciò consentirà alle persone che vivono in zone di infezione di evitare lo sviluppo di eventuali sintomi respiratori evidenti che potrebbero altrimenti causare la loro allontanamento da negozi, aziende o luoghi di lavoro. 13.24

La protezione dagli arresti freddi può essere ulteriormente migliorata mantenendo forte il sistema immunitario riposando molto, bevendo almeno un litro o due di acqua pura ogni giorno e mangiando molta frutta e verdura. L’esaurimento fisico rappresenta un rischio potenzialmente letale per gli operatori sanitari o per chiunque lavori per lunghe ore nelle zone di infezione. Non rischiare di lasciarti stancare. 13.51

È anche importante mantenere il più basso possibile il consumo di alcol, nonché di eventuali alimenti contenenti zuccheri aggiunti, dal momento che, in numerosi test scientifici, è stato dimostrato che riducono le risorse del sistema immunitario. E, soprattutto, evitare il comportamento ad altissimo rischio del fumo o dello svapo fino a quando la minaccia di epidemia continua. Sebbene, Covid-19 sembra produrre solo lievi sintomi di raffreddore comuni nella maggior parte dei pazienti, quelli con polmoni compromessi sembrano essere il maggior rischio di complicanze che potrebbero portare alla mortalità. 14.28

Se le autorità sanitarie possono impedire che si diffonda nell’emisfero meridionale *, è probabile che l’attuale focolaio di Covid-19 si riduca da solo poiché le temperature esterne iniziano a riscaldarsi a fine aprile o inizio maggio, proprio come ha fatto l’epidemia di coronavirus della SARS, 17 anni fa. 14.45

[* (Testo sullo schermo – non parlato) In caso contrario, se al coronavirus è consentito raggiungere i paesi a sud dell’equatore, l’epidemia potrebbe continuare per molti più mesi o anche più a lungo. *] [*il paragrafo sopra non è nella narrazione, è “sola lettura”. *] 14.45

Ma, questa procedura, ingannevolmente semplice, che abbiamo appena discusso ha il potenziale per porre fine a questo focolaio molto prima e forse salvare innumerevoli vite aggiuntive. 14.56

Gli operatori sanitari sono invitati a utilizzare la procedura di arresto a freddo per accelerare il recupero dei loro pazienti esistenti e per prevenire ulteriori infezioni sia negli altri che in loro stessi. E tutti coloro che sono in quarantena, così come quelli che vivono in zone di infezione e che entrano in contatto regolare con altre persone che potrebbero essere infette, sono incoraggiati a utilizzare questa procedura preventiva di arresto del freddo due volte al giorno e a condividerla con gli altri, per aiutare a prevenire nuovi casi di sviluppo di Covid-19. 15.25

A causa della loro capacità di trasformarsi in una varietà geneticamente nuova alla quale nessuno è immune, i virus della corona iniziano abitualmente pandemie regionali ogni pochi anni. Mentre la maggior parte di questi eventi sono lievi, producendo nient’altro che una grande ondata di comuni raffreddori, i ceppi più letali, come i due coronavirus SARS, possono creare situazioni mortali che attirano l’attenzione internazionale. 15.50

I futuri focolai di coronavirus sono quasi inevitabili. Ma, in ogni caso, questi cugini di coronavirus sono quasi certi di condividere la stessa vulnerabilità. Se gli operatori sanitari amministreranno immediatamente la terapia del calore con arresto a freddo e le autorità sanitarie distribuiranno foni e flaconi spray economici a coloro che non li hanno già, in quarantena o che vivono in zone di infezione, insieme a un link a questo video o offrire istruzioni sull’uso di questo trattamento termico facile e auto-somministrato, potrebbe essere possibile impedire che futuri focolai diventino nuovamente pandemie regionali o internazionali sul coronavirus. 16.33

(La narrazione termina) Commenti e segnalazioni di risposta del paziente alla terapia sono i benvenuti. Invia a: http://futureworldnow.com / contattaci / Includi COVID-19 nella riga dell’oggetto

Appendice

Ulteriori istruzioni importanti con accesso al metodo nella Sauna secca, non apparse nel video.

Sono sufficienti 20 minuti, in una sauna secca, a una temperatura pari o superiore a 60 ° C. (140 ° F.), per uccidere la maggior parte del coronavirus all’interno delle cavita’ nasali del paziente.

Si noti che le temperature tipiche della sauna sono spesso persino più elevate di questa. Successivamente, il raffreddamento per 40 minuti consente alla temperatura corporea e alla frequenza cardiaca di tornare alla normalità. Infine, continuando con solo altri due di questi cicli di 20 minuti di riscaldamento, quindi 40 minuti di raffreddamento in totale, si potrebbe uccidere la maggior parte dei coronavirus rimanenti (all’interno delle cavita’ nasali). Una volta sparito il virus, anche i sintomi scompaiono rapidamente.